Costantini, il Cittadino Governante si batte da sempre per la legalità PDF Stampa E-mail
Venerdì 10 Agosto 2018 19:17

chiarolla-e-costantini-ente-portoL’esponente locale di Forza Italia Jwan Costantini deve essere ossessionato dal Cittadino Governante.

Questa volta ci tira in ballo affermando: “sui temi dell’Ente Porto e della Giulianova Patrimonio, il Cittadino Governante tace. C’è qualcuno da tutelare?”. Ed ha pensato, magari, di metterci in difficoltà.

Premesso che la moralità nella vita pubblica è uno dei principi ispiratori del nostro impegno civile, e che da anni ci battiamo con iniziative e prese di posizione affinché l’onestà, la correttezza delle procedure amministrative, la messa al bando del clientelismo e l’affermazione delle pari opportunità e della meritocrazia diventino realtà nel nostro Comune, chiediamo al Costantini di smetterla col suo fare arrogante e provocatorio.

L’opinione pubblica deve sapere che all’interno del Consiglio di Amministrazione dell’Ente Porto c’è un rappresentante di Forza Italia mentre non c’è alcun esponente del Cittadino Governante.

Pertanto se in quell’Ente è stata fatta un’assunzione clientelare, violando le leggi e i regolamenti, lui - che ha esultato in occasione della nomina del rappresentante di Forza italia (cfr. nota e foto del 25.10.2017) in qualità di dirigente di quel partito – ne porta sicuramente qualche responsabilità visto che il consigliere che lui ha voluto nel CdA dell’Ente Porto non ha saputo né opporsi, nè evitarla, né dimettersi per protesta – sempre, poi, che non l’abbia addirittura condivisa.

Noi sicuramente non c’entriamo niente, non abbiamo nessuno da tutelare e soprattutto se ciò che viene denunciato corrisponde al vero siamo perché venga ripristinata la legalità. Attendiamo quindi, vigili, gli sviluppi di questa vicenda.

Ma nel frattempo chiediamo a colui che si presenta come il liberatore della città: dov’era quando sollevavamo scandali molto più grandi - sanzionati poi dalla giustizia - come l’abuso edilizio nell’area ex Migliori Longari, quello di palazzo Gavioli, accanto al Kursaal o quello di parco Franchi? Dov’era quando esprimevamo pubblicamente le critiche alla conduzione della Giulianova Patrimonio ben prima degli arresti di operazione Castrum? Dov’era quando abbiamo parlato del pericolo amianto nella scuola di via Mattarella?

Non era certo con noi; era in Forza Italia, nel centro-destra e si guardava bene dal prendere posizione.

Cogliamo, allora, l’occasione per ricordare al Costantini e a qualche suo supporter poco informato che da oltre 20 anni, prima il centro-destra e poi il centro-sinistra hanno utilizzato abbondantemente sia all’interno del Comune che delle società partecipate comunali le pratiche clientelari nelle assunzioni, nelle nomine e negli incarichi. Lui certamente ora non se ne può chiamare fuori visto che non solo appartiene allo schieramento di centro-destra ma ha a che fare spesso con gli stessi personaggi che a Giulianova hanno avuto ruoli di governo nel passato.

Share
 

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies tecnici" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti". Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa (Clicca qui). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information