Richiesta di una Anagrafe della Edilizia Scolastica del Comune di Giulianova

De-Amicis 1Gli ultimi dolorosi eventi sismici che hanno colpito il centro Italia, compresa la nostra provincia, hanno immediatamente riportato all’ordine del giorno la delicata tematica della sicurezza dei plessi pubblici, in particolare di quelli scolastici. Da più parti a gran voce, dai genitori al corpo docente al personale Ata fino all’intera collettività, si esige di far luce sullo stato delle scuole giuliesi di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido, specie per quelle già oggetto di recenti preoccupazioni come la “De Amicis” o la Scuola dell’Infanzia di bivio Bellocchio.

Sin dalle prime ordinanze del 2003 passando per le norme tecniche di costruzione contenute nel decreto legislativo del 2008, fino ai più recenti provvedimenti emanati dopo il sisma del 6 aprile del 2009 per concludere con il Piano nazionale per la prevenzione del rischio sismico, è stato reso obbligatorio, per gli Enti proprietari, effettuare le verifiche sismiche di edifici strategici tra cui le scuole.

Il gruppo consiliare del Cittadino Governante, al fine di tutelare la sicurezza e la tranquillità di tutti, in primis di alunni e genitori, rivolge alla Amministrazione comunale (per tutti i plessi di sua competenza) ed alla Provincia di Teramo (per quanto concerne le scuole superiori) la richiesta di tutti i documenti ufficiali in materia: schede di valutazione Aedes (scheda di rilevamento danno, pronto intervento e agibilità), certificazioni di verifiche di vulnerabilità sismica nonché relazioni redatte nei giorni passati, quante e quali le ispezioni effettuate, l’esito dei vari sopralluoghi dei tecnici, eventuali interventi di adeguamento strutturale ed antisismico realizzati, avviati o programmati. Chiede, altresì, in nome della trasparenza e della rassicurazione di rendere pubblici i documenti suddetti sui rispettivi sito istituzionali. Propone, infine, di mettere in rete anche il piano comunale di emergenza di protezione civile prevedendone inoltre una imminente illustrazione rivolta a tutta la cittadinanza.

    

 

Pin It

Stampa   Email