Non è da primo cittadino diffamare PDF Stampa E-mail
Mercoledì 04 Giugno 2014 08:17

Controvent 3 6 2014Il sindaco uscente ha questa volta superato abbondantemente i limiti dei comportamenti civili ed è tempo che qualcuno sanzioni la sua arroganza e il suo sistematico uso della menzogna nel dibattito pubblico.
Ieri sera in vista del ballottaggio di domenica prossima, nel confronto con il suo antagonista avv. Fabrizio Retko, svoltosi su TelePonte alle 21, ad un certo punto messo alle strette sui temi della legalità, nel goffo tentativo di svicolare, ha avuto l’improntitudine di additare il Dr. Franco Arboretti come responsabile dei reati penali commessi nell’area ex Migliori Longari e nel cantiere posto sotto sequestro dalla magistratura accanto al Kursaal.
La verità è che gli esposti alla magistratura per tutelare la collina del centro storico, la sicurezza idrogeologica, l’asilo nido ed il campo di atletica leggera nella vicenda dell’area ex Migliori Longari ed il palazzo storico Kursaal nella vicenda di palazzo Gavioli li ha presentati Il Cittadino Governante dopo che la Giunta Mastromauro aveva avallato in consiglio comunale i due gravi abusi edilizi autorizzati dagli uffici comunali.
Due falsificazioni così clamorose effettuate ieri sera di fronte al pubblico televisivo che stava seguendo il dibattito - aggravate dal fatto che il destinatario della gravissima diffamazione in quel momento era assente – e riproposte stamattina da Radio G, non possono, ovviamente, passare sotto silenzio, pena l’imbarbarimento del confronto politico.
Sarà, per questo, avviata ogni opportuna azione a tutela del buon nome di una persona seria, onesta, e corretta, da tutti stimata proprio per unanime riconoscimento di queste qualità.

In questa sede vogliamo solo ricordare che su ambedue i casi -  che, negli ultimi anni, hanno corposamente introdotto per la prima volta il tema della questione morale nella nostra città – il rinvio a giudizio riguarda, tra gli altri, funzionari e dirigenti del Comune di Giulianova per violazione delle norme urbanistiche del PRG. Essi, inoltre, come tutti sanno erano indirizzati e controllati come prevede la legge proprio dalle Amministrazioni comunali di cui l’avv. Mastromauro era vicesindaco o sindaco

Share
 

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies tecnici" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti". Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa (Clicca qui). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information