Idee e progetti per il mondo dei giovani

I giovani candidati nelle liste civili a sostegno del candidato sindaco Franco Arboretti - Il Cittadino Governante per cambiare e Per Giulianova Franco Arboretti sindaco - in un partecipato e vivace incontro tenuto in Sala Buozzi hanno presentato e discusso iniziative utili ad affrontare la problematica della disoccupazione giovanile e finalizzate a favorire le condizioni per una nuova economia sostenibile locale in grado di creare nuovi e duraturi posti di lavoro. ‘E emersa, inoltre, l’importanza di destinare alle nuove generazioni strutture, servizi ed occasioni per arricchire e qualificare il tempo libero.
Al riguardo sono state illustrate le proposte concrete sulle politiche giovanili  contenute nel programma del candidato sindaco Franco Arboretti: 
- Istituzione dei Consigli comunali per i giovani (un Consiglio comunale per gli adolescenti, l’altro per i giovani al di sopra dei 18 anni).
- Spazi e servizi dedicati ai giovani con la realizzazione della “Cittadella creativa” prevista nella ristrutturazione dell’ex Mercato coperto sito in piazza Dalla Chiesa ove trasferire anche il Centro Informagiovani e, stipulando  un accordo con la Regione, il Centro Servizi Culturali. 
- Campi da gioco di quartiere e, quando possibile, di isolato per bambini ed adolescenti.
- Proposta annuale, mediata dalle scuole, di due mesi di volontariato come esperienza formativa.
- Battesimo Civico:  appuntamento annuale in cui a tutti i ragazzi che compiono 18 anni nel corso dell’anno, divenendo nuovi cittadini, verrà consegnata una copia della Costituzione Italiana  come gesto simbolico di benvenuto per il loro ingresso ufficiale nella società e come invito alla partecipazione alla vita pubblica. 
- Nuova politica della casa attenta a favorire la messa a disposizione, tramite la realizzazione di edilizia popolare, di nuovi alloggi da allocare o da acquistare a prezzi accessibili per i giovani.
Particolarmente  sentiti sono stati gli interventi che hanno affrontato i temi della crescita e della formazione, della famiglia e dell’ ”importanza di dare il buon esempio".
Pin It

Stampa   Email