Illusionismi pre-elettorali PDF Stampa E-mail
Sabato 19 Aprile 2014 15:19

"Il ballo del mattone"

Nel solco della peggiore tradizione degli illusionismi pre-elettorali il sindaco Mastromauro spara l'ultimo, disperato colpo per tentare di raddrizzare una barca ormai alla deriva, e avvia, a pochi giorni dalle elezioni, la “messa in sicurezza delle vie e strade che risultano più deteriorate”.
Ora, a parte il paradosso di un titolare dei lavori pubblici, quale è il sindaco, che parla di  “messa in sicurezza”, confessando implicitamente di aver lasciato in sospeso per anni situazioni evidentemente di pericolo, la manovra odora  fortemente di bassa propaganda, a dispetto, o forse proprio a causa delle smentite preventive.
La sensazione è che quelli di Mastromauro siano addirittura  asfalti “pluri-elettorali”, buoni insomma per tutte le stagioni. Approvati a dicembre, inseriti nel piano delle opere triennali a febbraio, (ovvero in concomitanza con la candidatura del sindaco alle regionali), sono poi rimasti in fresco fino alla vigilia delle comunali, seguendo evidentemente non l'andamento delle necessità cittadine, ma quello degli interessi elettorali personali.
Va sottolineato che i 225mila euro necessari all’operazione elettoralistica sono stati sottratti per buona parte alla già prevista manutenzione degli impianti sportivi che evidentemente sono per il sindaco meno importanti della “spolverata di bitume” a tappeto in città. Ora, a parte che non è indice di  buon governo rimettere continuamente in discussione la programmazione dei lavori  (qual è il livello di progettazione?  Con quale procedura si assegnano i lavori? Ci saranno i tempi per la necessaria gara?), c’è il timore che la cospicua somma da spendere finisca con l'alimentare il pozzo senza fondo del denaro pubblico sprecato, senza risolvere realmente le questioni. La storia delle opere pubbliche recenti, del resto, non induce all'ottimismo. Basti pensare alle pavimentazioni di corso Garibaldi e piazza Buozzi, la cui ristrutturazione, costata oltre un milione di euro, ha avuto bisogno di interventi ulteriori, immediati, costosi, ma soprattutto non risolutivi: l'invito al riguardo è di visionare, all'indirizzo web www.ilcittadinogovernante.it ) il video realizzato proprio sulle pavimentazioni del centro storico.
Concludiamo con una citazione. “La Giunta  si accorge solo a pochi mesi dalle elezioni che le strade  sono una groviera e approva quelli che già negli anni 80 venivano chiamati asfalti elettorali”: è l'accusa rivolta non più tardi di qualche settimana fa, dal Partito Democratico di Teramo al sindaco Brucchi per una situazione analoga. Chissà che ne pensa il suo partito degli asfalti elettorali di Francesco Mastromauro!
Share
 

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies tecnici" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti". Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l'uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa (Clicca qui). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information