I veri scopi del sondaggio deliberativo

Ed eccoci all’ultima trovata della Giunta Mastromauro: il sondaggio deliberativo, presentato come “iniziativa senza precedenti nella storia amministrativa di Giulianova, con la quale gli organi politici intendono conoscere e attuare l’orientamento dei cittadini in merito ad un programma di alienazioni al fine di garantire il rispetto dell'obiettivo prefissato dal patto di stabilità 2012”.
Se a questo linguaggio oscuro e trionfalistico aggiungiamo qualche precisazione e qualche riflessione i veri intenti della Giunta appariranno un po’ più chiari.
Occorre, insomma, un’opera di smascheramento.
Gli amministratori vogliono convincere i cittadini che stanno promuovendo la partecipazione e che li renderanno protagonisti di chissà quale mirabolante esperienza nel poter scegliere cosa vendere e cioè di quali beni si dovrà privare la città per fronteggiare una grave crisi finanziaria comunale di cui poco si fa sapere salvo che è si generata sempre per colpe attribuibili ad altri. 
La verità, invece, è che gli amministratori prima hanno creato l’eccessivo indebitamento del Comune ed ora ricorrono ai cittadini - facendogli credere che contano davvero - per farsi indicare quali gioielli di famiglia vendere: il danno oltre la beffa.
Ma la cittadinanza giuliese non merita più di rispetto da parte della classe dirigente?

Pin It

Stampa   Email